sanificazione attiva degli ambienti

Proteggi gli ambienti e la salute con il sistema di sanificazione attiva. Previeni e riduci i rischi di contaminazione e contagio!

 

Per aziende private, pubbliche, imprenditori e artigiani

Questo messaggio è rivolto a tutti quei soggetti che al momento rischiano di chiudere la propria attività a causa della situazione contingente. Allo scopro di incentivare la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro quale misura di contenimento del contagio COVID19 per il periodo d’imposta 2020 è stato riconosciuto un credito d’imposta del 50% per le spese sostenute fino ad un massimo di 20.000€ fino all’esaurimento dell’importo stanziato di 50€ milioni.

Se non vuoi perdere questa opportunità, leggi attentamente il contenuto di questa pagina per capire come Sanificare gli ambienti in modo sicuro e completo. 

INDOOR AIR QUALITY 

Una delle principali cause di inquinamento e malattia più sottovalutate

L’indoor Air Quality, in breve, è la caratteristica dell’aria trattata che deve rispondere ai requisiti di purezza.

I contaminanti contenuti nell’aria di rinnovo e ricircolo sono gas, vapori, microrganismi, fumo e altre sostanze.

In questo momento trascorriamo fino al 90% del nostro tempo in luoghi chiusi e di questi circa il 30-40% nei luoghi di lavoro: per questo motivo l’inquinamento indoor risulta più pericoloso dell’inquinamento outdoor (esterno): si pensa infatti che il 40% delle assenze da lavoro per malattia sia dovuto a problemi di qualità dell’aria interna agli uffici.

Secondo uno studio condotto dall’EPA (Environment Protection Agency) gli inquinanti presenti in ambienti chiusi (indoor) sono fino a 5 volte superiori rispetto all’esterno (outdoor). 

Contattaci per info

 

le cause dell’inquinamento indoor?

Ci sono fattori comuni come cucinare, pulire o fumare che rilasciano gas e particelle. Molti materiali di costruzione rilasciano Formaldeide, una sostanza potenzialmente nociva. Al momento molte cause sono amplificate dal fatto che siamo costretti in casa.

L’Aria è il veicolo principale attraverso cui i batteri vengono dispersi sottoforma di pulviscolo.

I moderni edifici hanno una struttura altamente isolante ma che necessità di un sistema di ventilazione che nel tempo può divenire preda di microrganismi come batteri e muffe.

L’inquinamento da polveri sottili, polvere, polline, fibre e spore può rendere davvero difficile la vita a chi soffre di allergie (danni alle mucose oculari, alla cute, all’apparato respiratorio) accelerando inoltre il deterioramento delle apparecchiature presenti all’interno dei locali. Batteri, virus e funghi, sono potenzialmente la causa di contaminazioni e malattie

Gli effetti dell’inquinamento Indoor

Da indagini statistiche effettuate su un campione di 112 edifici nel nord Italia, è emerso che:

  • Il 65% delle canalizzazioni è contaminato
  • Il 65% degli impianti non fornisce un adeguato ricambio dell’aria
  • Nel 35% degli edifici campionati è infetto da batteri patologici
  • Il 10% degli edifici campionati è infetto da batteri patologici
contattaci per maggiori informazioni

 

tecnologia cpoâ„¢

Come Sanificare i propri ambienti riducendo al minimo il rischio di contaminazione, evitando così di dover chiudere l’attività grazie ad una tecnologia testata in ambito Aerospaziale. Entra nell’industria 4.0

Noi di Termomet oltre alla classica e sempre valida sanificazione all’ozono ti proponiamo il sistema di sanificazione attiva tecnologia PCO meglio conosciuta come ossidazione fotocatalitica tramite l’installazione di moduli sui circuiti aeraulici

LA SOLUZIONE

La tecnologia PCO™ (Photocatalytic Oxidation), meglio conosciuta come ossidazione fotocatalitica, e stata sviluppata ed utilizzata in ambito aerospaziale per la sanificazione degli ambienti destinati alle esplorazioni spaziali, dove una delle prerogative principali e la qualità e la salubrità dell’aria.

▶ La tecnologia PCO™ imita e riproduce cio che avviene in natura mediante la fotocatalisi, un processo che grazie all’azione combinata dei raggi UV del sole, dell’umidita presente nell’aria e di alcuni metalli nobili presenti in natura, genera radicali ossidrili e molecole di perossido di idrogeno in grado di distruggere la maggior parte delle sostanze inquinanti e tossiche.

â–¶ La reazione fotochimica che si genera grazie alla PCOâ„¢ permette quindi di distruggere con un principio naturale attivo le sostanze inquinanti, in particolare batteri, virus e muffe.

▶ Il perossido d’idrogeno (H2O2), piu comunemente noto come acqua ossigenata, generato dalla reazione fotocatalitica in quantita minime – non superiori ai 0,02 PPM – possiede un’efficacia molto elevata nella distruzione della carica microbica, sia nell’aria che sulle superfici

PRINCIPALI SETTORI DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA CPO

alimentari-ristoranti

Ristoranti, alberghi, alimentari e trasporto alimentari

Eliminazione di muffe e batteri.
Miglior conservazione = più freschezza e qualità.

industriale

Industriale

Sanificazione di canali ed ambienti con
abbattimento degli inquinanti chimici/biologici.
Ambiente di lavoro più salutare

medicale-ospedaliero

Medicale e Ospedaliero

Abbattimento della proliferazione di batteri.
Ambiente sanitario meno esposto alla
contaminazione batterica
.

residenziale-impianti-vmc

Residenziale Impianti VMC

Eliminazione di batteri, allergeni ed odori.
Ambiente più salutare e confortevole

uffici

Uffici

Eliminazione di batteri, allergeni ed odori.
Diminuzione del tasso di malattia

trasporti-batteri

Trasporti

Eliminazione dei batteri.
Minore esposizione alla contaminazione batterica. Ambiente più salutare e confortevole

FILTRAZIONE TRADIZIONALE O TECNOLOGIA CPO

Quali sono le differenze tra queste due tecnologie?

SISTEMI PASSIVI

Trattengono e distruggono parte delle sostanze nocive solo nel punto in cui vengono installati. Non hanno un effetto diretto sulle sostanze nocive presenti in ambiente.

SISTEMI ATTIVI

Grazie agli agenti OSSIDANTI che vengono generati dalla PCO, si ha un effetto sanificante, non solo nel punto in cui viene installato il modulo ma sull’intero circuito aeraulico ed anche negli ambienti trattati

 

differenza tra i sistemi attivi

E’ chiaro che il sistema attivo presenta dei notevoli vantaggi rispetto al sistema passivo. Ma anche tra questi vi sono delle differenze in termini di benefici, quali sono?

differenze-sistema-attivo

OZONO

PRO

L’ozono (O3) è un gas altamente instabile in
grado di propagarsi negli ambienti trattati
ossidando tutti i composti organici.
È in grado di neutralizzare anche gli odori.


CONTRO

L’esposizione all’ozono può essere molto
pericolosa se protratta nel tempo sia per
l’uomo sia per i materiali.
Non agisce sul particolato non organico.

IONIZZAZIONE

PRO

Gli ioni positivi e negativi aggregano le
microparticelle sospese nell’aria che, non
essendo più ultrafini, non rimangono più
sospese nell’aria risultando così meno
dannose perché non inalate dall’uomo.

CONTRO

è altamente instabile per tanto non
permette di avere effetto su lunghi tratti
di canale. Molto spesso produce alte
concentrazioni di ozono.
Deve essere abbinata ad un filtro in grado
di trattenere il medio particolato

CPO con IPG

PRO

Grazie alla varietà di ossidanti questo
trattamento è reso estremamente efficace
su un numero maggiore di microbi e gas.
Le molecole di H2O2 e gli ossidanti creati
da questa tecologia, sono molto più stabili
rispetto ad una normale ionizzazione.
Questo rende efficace la sanificazione
anche su lunghi tratti di canale e negli
ambienti trattati.

CONTRO

Deve essere abbinato ad un filtro in grado
di trattenere il medio particolato

 

benefici della tecnologia cpo

 

COmpila il form PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA SANIFICAZIONE ATTIVA DEGLI AMBIENTI

In questo momento è fondamentale prevenire e adottare tutte le misure di sicurezza necessarie ad evitare di dover fermare la propria attività, qualunque essa sia.